giovedì 10 marzo 2011

ITALCEMENTI 9 MARZO 2011

ITALCEMENTI 9 MARZO 2011

Gli unici obiettivi del Comitato Cittadino
Isola Pulita
 sono:
• IL RIPRISTINO DELLA LEGALITA’
• LA DIFESA DELLA SALUTE
E LA TUTELA DEL TERRITORIO

La pessima qualità dell'aria che respiriamo,
l'irritazione alle vie respiratorie,
gli odori insopportabili sono alcune delle cause
dell'inquinamento ambientale di
Isola delle Femmine
IL DECRETO A.I.A. DELLA REGIONE SICILIA
ALLA ITALCEMENTI DEL LUGLIO 2008
PESCRIVE L'OBBLIGO DELL'ADOZIONE
DELLE MIGLIORI TECNOLOGIE ENTRO I
DUE ANNI SCADUTI NEL LUGLIO 2010
L'AUTORIZZAZIONE ALL'ESRCIZIO E' QUINDI SCADUTA?

Assessore Bugiardino dice
lo sappiamo le industrie del cemento inquinano,
ciò che possiamo fare è limitare la loro azione inquinante”.
Assessore Bugiardino Lei saprà che
L'A.I.A. autorizza la Italcementi
ad emettere Diossine emesse =1.042.320.000 pg/giorno
equivalente alla dose di “tollerabilità”
giornaliera (140 pg, secondo l’OMS)
Assessore Bugiardino Lei senz’altro sarà
a conoscenza, dell’A.I.A. concessa
nel luglio 2008 alla Italcementi
autorizza quest’ultima a bruciare  il  
pet-coke che la Italcementi brucia,   
non soltanto per  un semplice confronto
dell’eventuale rispetto dei limiti
di legge, bensì  con una valutazione
completa, che tenga conto della
localizzazione, delle tecnologie
applicate, delle vocazioni del luogo,
dello sviluppo dello stesso.
LEI Assessore Bugiardino ha verificato
e controllato con il suo amico
la corretta applicazione
delle prescrizioni A.I.A.?

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
ALZARSI AL MATTINO APRIRE LE FINESTRE
E NON VEDERE (si fa per dire) IL PAESE
AVVOLTO NELLA "NEBBIA"


IL SOGNO DEL TURISTA  A ISOLA DELLE FEMMINE?
IL VOSTRO E' UN PAESE BELLISSIMO PECCATO
QUEL CEMENTIFICIO SITUATO PROPRIO
ALL'INTERNO DEL PAESE

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
VEDER UN GIORNO LA ITALCEMENTI
LONTANISSIMA DAL CENTRO ABITATO
COSI' COME PRESCRIVE LA LEGGE


IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
VEDERE L'AZZURO CIELO DI ISOLA DELLE FEMMINE

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
MANDARE I FIGLI A SCUOLA SENZA ESPORLI
ALLE EMISSIONI INQUINANTI DELLA CEMENTERIA

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
FARE LA SPESA AL SUPERMERCATO SENZA IL RISCHIO
DI INALARE LE SOSTANZE NOCIVE DELLA ITALCEMENTI
E MAGARI PORTARE A CASA PRODOTTI INQUINATI 

IL SOGNO DELL'AUTOMOBILISTA ISOLANO?
RIVERNICIARE LA CARROZZERIA DELLA MACCHINA
MENO FREQUENTEMENTE

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
 NON FARSI PIU' LA SOLITA DOMANDA
SULLA VOCAZIONE DEL NOSTRO PAESE:
VOCAZIONE TURISTICA O
VOCAZIONE INDUSTRIALE?

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
AVERE DEGLI AMMINISTRATORI CON UN  PROGETTO 
COMUNE CONDIVISO PIANIFICATO E REALIZZATO

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
NON DIRE UN GIORNO " potevo fare qualcosa, che forse
avrebbe evitato tutte queste malattie"


IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
AVERE DEGLI AMMINISTRATORI CAPACI DI OSSERVARE
E CAPIRE E SODDISFARE I BISOGNI DEI CITTADINI

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
ALZARSI AL MATTINO APRIRE LE FINESTRE
E NON VEDERE (si fa per dire) IL PAESE
AVVOLTO NELLA "NEBBIA"

IL SOGNO delle CASALINGHE  DI ISOLA DELLE FEMMINE?
ALMENO PER UN GIORNO FARE A MENO
DI TOGLIERE TUTTA QUESTA POLEVERE
NERA DAI BALCONI

IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
ASSISTERE ALLA PARTITA DI CALCIO DELLA SQUADRA
LOCALE SENZA IL TERRORE DI PERDERSI L'ULTIMO GOL
PERCHE' L'ULTIMA FUMATA PROVENIENTE DALLA
VICINA ITALCEMENTI HA OSCURATO
L'INTERO CAMPO DI CALCIO
IL SOGNO DEI CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE?
LA SODDISFAZIONE DI AVER CONTRIBUITO A LASCIARE 
AI PROPRI FIGLI UN PAESE CHE TUTTI SCELGONO
PER LA SUA QUALITA' DELLA VITA 


inviata oggi 9 marzo 2011 al fax dell’ on. Lombardo ( 091.7075199) e pc. sll’ Assess. all’ Energia Dr. Marino ( 091.7070826) in calce i firmatari


Lettera aperta di AugustAmbiente, Decontaminazione Sicilia,
Costituente Ecologista e Comitato Cittadino Isola Pulita
all’On. Presidente della Regione Raffaele Lombardo
e p. c. all’ assessore all’Energia Dr. Marino

 
Egregio On. Presidente Lombardo, avevamo apprezzato la Sua responsabile presa di posizione sul Piano Rifiuti che, di fatto, azzerava i 4 inceneritori di Cuffaro, ma rimaniamo delusi dalla decisione di utilizzare il CDR come co-combustibile nei cementifici per i seguenti motivi:
1. si tratta sempre di ricorso alla combustione, con l’aggravante che i cementifici risultano più inquinanti degli inceneritori in quanto non dotati di specifici sistemi di abbattimento delle polveri e tanto meno dei microinquinanti, ed autorizzati con limiti di emissioni più alti (il limite per le diossine passa da 0,1 nanogrammi/mc negli inceneritori a 10 ng/mc nei cementifici, cioè 100 volte di più!). Inoltre, essendo le temperature di esercizio dei cementifici più elevate di quelle degli inceneritori, le emissioni, ed in particolare il nanoparticolato (costituito essenzialmente da metalli pesanti), sono ancora maggiori; inoltre l’americana EPA (Environmental Protection Agency) ha rilevato incrementi significativi di mercurio, uno dei maggiori composti tossici per l’uomo, nelle emissioni di cementifici alimentati con CDR. Negli USA i cementieri sono obbligati ad indicare, sui contenitori di cemento ottenuto con l’impiego di CDR, la scritta “cemento ottenuto con co-combustibile Cdr”, in quanto tale cemento diventa pericoloso per la salute a causa del rilascio di metalli pesanti da parte dei manufatti con esso realizzati;
2. disincentivazione della raccolta differenziata e, di fatto, apertura all’importazione di CDR, come dimostrato dalla politica dei termovalorizzatori. Inoltre, con l’utilizzo del CDR quale co-combustibile, si registra una sostanziale riduzione del riciclo di materiali pregiati quali carta, cartone e plastiche, e dei posti di lavoro;
3. peggiorerebbe di fatto il piano Cuffaro, passando da 4 a 6 inceneritori (quanti sono i cementifici in Sicilia): a Modica e Ragusa, entrambe zone vocate alla zootecnia ed alla serricoltura, con conseguenti irreparabili danni economici, a Catania, allocato in pieno centro urbano che determinerebbe l’aumento di traffico pesante e di conseguenza dell’inquinamento acustico e da polveri, a Priolo, in piena area industriale, già fortemente compromessa, ad Isola delle Femmine (PA) ed a Porto Empedocle (AG), questi due ultimi in aree urbane a forte vocazione turistica.

Signor Presidente, questi tre motivi ci preoccupano particolarmente, e La invitiamo a riprendere la strada che tutto il mondo civile ha ormai da tempo intrapreso e cioè “l’Obiettivo Rifiuti Zero” che privilegia il riciclaggio e considera e sfrutta i rifiuti come una risorsa.
è mai possibile che, con le conoscenze scientifiche sui devastanti danni all’ambiente e alla salute, arrecati dalle emissioni degli impianti di incenerimento, si possa ancora oggi continuare sulla vecchia strada degli inceneritori che “termo-svalorizzano” l’ambiente, la salute ed i rifiuti?
è così complicato costruire almeno un impianto di compostaggio per provincia, obbligare i Comuni ad attivare i centri di raccolta e costruire quegli impianti, assolutamente non inquinanti, che trasformano la frazione dei RSU non riciclabile in sabbia artificiale ottima per l’edilizia, come sia fa a “Vedelago”?

Il tutto, se si vuole, è realizzabile in tempi brevi, con costi inferiori rispetto agli impianti di CDR e con la creazione di più posti di lavoro puliti.
Augusta, 7 marzo 20010

f.to Giacinto Franco per “AugustAmbiente”
f.to Luigi Solarino per “Decontaminazione Sicilia”  luigi.solarino@alice.it
f.to Pino Ciampolillo per “Movimento Cittadino Isola Pulita” isolapulita@gmail.com
f.to Paolo Pantano per “Costituente Ecologista” paolopantano@simail.it
f.to Donatella Costa per “Associazione Rifiuti Zero Palermo” costa_donatella@libero.it
f.to Beniamino Ginatempo per Ass. Rifiuti Zero Messina” beniamino.ginatempo@unime.it
 
 
COMUNICATO STAMPA

Piano rifiuti, critiche le associazioni ambientaliste

8 marzo 2011 - 14:50
Quattro associazioni ambientaliste scrivono al Presidente della Regione Siciliana Raffaele Lombardo per esprimere la loro delusione sul nuovo piano rifiuti presentato ieri dal governatore. “Avevamo apprezzato –si legge nella nota a firma di AugustAmbiente, Decontaminazione Sicilia, Costituente Ecologista e Comitato Cittadino Isola Pulita– la sua responsabile iniziativa di azzerare i 4 termovalorizzatori pianificati da Cuffaro ma ma rimaniamo delusi dalla decisione di utilizzare il CDR, ovvero il combustibile derivato dai rifiuti, nei cementifici, in quanto questi risultano più inquinanti degli inceneritori poichè non dotati di specifici sistemi di abbattimento delle polveri ed autorizzati con limiti di emissioni più alti.” Per le associazioni ambientaliste verrebbe disincentivata la raccolta differenziata e inoltre verrebbe addirittura peggiorato il Piano rifiuti Cuffaro, passando da 4 a 6 inceneritori (quanti sono i cementifici in Sicilia): Modica, Ragusa, Catania, Priolo, Porto Empodocle e Isola delle Femmine questi ultimi due in aree urbane a forte vocazione turistica. Per gli ecologisti l’unica soluzione possibile è  “l’Obiettivo Rifiuti Zero” che privilegia il riciclaggio e considera e sfrutta la spazzatura come una risorsa, costituendo almeno un impianto di compostaggio per provincia, obbligando i Comuni ad attivare i centri di raccolta e costruire quegli impianti, assolutamente non inquinanti, che trasformano la frazione dei RSU non riciclabile in sabbia artificiale ottima per l’edilizia. Il tutto- conclude la nota – , è realizzabile in tempi brevi, con costi inferiori rispetto agli impianti di CDR e con la creazione di più posti di lavoro puliti.

http://www.teleoccidente.it/wp/17071/piano-rifiuti-critiche-le-associazioni-ambientaliste.html











ITALCEMENTI,Pantano,CUTINO,Ecopunto,Falletta,Isola delle Femmine,Franco,Solarino,Piombino,PORTOBELLO,Raccolta differenziata,TAR VENEZIA 2462/2009,ARPA,Cementirossi,decreto 693 2008,Fumane

Nessun commento:

Posta un commento