sabato 28 novembre 2009

NO MAFIA A ISOLA DELLE FEMMINE

PETIZIONE NO REGALI ALLE MAFIE

v Testo Petizione No regali alle mafie e firma

v Firma la petizione: No regali alle mafie

SCARICA E FAI FIRMARE LA PETIZIONE

Scarica e stampa l'appello cartaceo e raccogli le firme contro la vendita dei beni confiscati alle mafie (67.67 KB).






Sommario della pagina:

- Il Ministro Maroni Scioglie il Consiglio Comunale di Furnari per infiltrazioni MAFIOSE

- Consiglio comunale 26 novembre 2009

- Solidarietà al Sindaco i Borgetto del Gruppo Rinascita Isolana

- Interrogazione sulla funzione del geom Impastato Giovanni



- Non servono parole, ora servono i fatti. “Secondo la falsa educazione imperante nell’italico costume, dovrei ringraziare per la solidarietà ricevuta, ma ringrazierò solo coloro che, non da domani ma da ieri, hanno avviato una seria ricerca delle soluzioni per garantire la libertà di stampa, il rispetto dell’etica da parte di chi fa informazione” Giulia Martorana (giovane giornalista del Giornale di Sicilia indagata per affermare la libertà di informazione)


Consiglio dei Ministri n.72 del 27/11/2009
................

Il Consiglio ha deliberato, su proposta del Ministro dell’interno, lo scioglimento del Consiglio comunale di Furnari, in provincia di Messina, dove sono state accertate forme di condizionamento della vita amministrativa da parte della criminalità organizzata.

..................

La seduta ha avuto termine alle ore 10,35.
http://www.governo.it/Governo/ConsiglioMinistri/testo_int.asp?d=53159


…..ingerenze della criminalità organizzata nell'attività amministrativa dell'ente locale e in particolare sulle elezioni amministrative del maggio 2007…..

La Commissione interforze ha esaminato gli atti amministrativi a decorrere dal maggio del 2002, fino all'agosto scorso. Sette anni di delibere di Giunta e di Consiglio, determine sindacali e dirigenziali, passati al setaccio per rintracciare elementi condizionanti nel settore dei lavori pubblici con le gare d'appalto, delle concessioni comunali e nell'assegnazione delle aree artigianali, negli incarichi professionali, nella partecipazione a consorzi e nei cottimi fiduciari.







Ieri sera a Isola delle Femmine non vi sono stati rintocchi di campana.


Eppure ieri sera nella sala consiliare Padre Bagliesi si è consumata l’ultima tragedia per i Cittadini di Isola delle Femmine.




E’ morta la democrazia


E’ morta la legalità

E’ morta la libertà di espressione


E' morto il confronto delle idee


E' morto il rispetto


E' morto il diritto alla parola


E’ morta la libertà di espressione dei Consiglieri Comunali di Isola delle Femmine.

Il rito funebre è stato officiato dal Presidente del Consiglio Ragioniere Alessandro Giucastro con la benedizione del Sindaco Portobello Professore Gaspare la Sua giunta municipale la Sua maggioranza “Progetto Isola” (un marchio una garanzia) con l’assenso dei “POTERI FORTI” di Isola delle Femmine.


Breve è stata l’orazione funebre del Presidente del Consiglio Comunale Ragioniere Alessandro Giucastro: “………….. Consigliere Caltanisetta io Le impedisco di leggere la dichiarazione…perché IO SO cosa Lei vuol. Dire… IO SO dove vuole andare a parare sono sempre gli stessi argomenti…….. “ (complimenti Ragioniere Lei è una persona arguta, Lei riesce a leggere quanto il Consigliere Caltanisetta pensa!).


Il consigliere Caltanisetta che intendeva associarsi ed integrare l’orazione funebre, porge al Presidente del Consiglio il Suo scritto.


Il presidente del Consiglio resosi conto del contenuto AUTORIZZA il consigliere Caltanisetta di leggere il messaggio sino al rigo 4° e non andare oltre.


Forse il Presidente del Consiglio si è reso conto di essere stato BUONO anzi troppo BUONO.


LUI concede!


E’ solo a questo punto che sentiamo i rintocchi delle campane a festa e le urla di gioia:


Ha vinto l’arroganza


Ha vinto l’illegalità


Hanno vinto le minacce


Hanno vinto i “POTERI FORTI” di Isola delle Femmine.

Ha vinto il VOTO DI SCAMBIO

Ha vinto la mafia


Non ha vinto il Sindaco di Giardinello con i tanti e tanti amministratori che agiscono nella legalità e nella trasparenza


Non hanno Vinto Falcone e Borsellino e i tanti e tanti uomini e donne che hanno fatto della lotta alla mafia e all'arroganza dei POTERI FORTI la loro ragione di vita, per un futuro di LIBERTA'





Il nano malefico clandestino



RICEVIAMO E VOLENTIERI PUBBLICHIAMO IL TESTO DELLA DICHIARAZIONE DI SOLIDARIETA' CHE IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO COMUNALE RAGIONIERE ALESSANDRO GIUCASTRO E IL SUO GRUPPO HANNO IMPEDITO DI LEGGERE PUBBLICAMENTE.


Logo 2.jpg



Al Presidente del C.C.

Al sindaco

Oggetto: dichiarazione consiliare solidarietà al Sindaco di Borgetto

Il gruppo consiliare Rinascita Isolana esprime profonda solidarietà per quanto occorso al Sindaco di Borgetto, Giuseppe Davì, vittima di un attentato che presenta tutte le caratteristiche dell’intimidazione mafiosa.

Già nei mesi scorsi – il Presidente ce ne darà atto – il capogruppo consiliare Caltanissetta aveva evidenziato in Consiglio l’impegno antimafia del Sindaco Davì ed il suo progetto di riscatto culturale e sociale del territorio, a partire dalla difesa della memoria di Peppino Impastato, vittima della violenza del clan Badalamenti.

Il percorso intrapreso dal Sindaco di Borgetto necessita di concreto sostegno istituzionale e piena legittimazione politica, poiché solo attraverso la difesa dei valori della legalità, dell’impermeabilità ai compromessi, dell’intransigenza dell’azione amministrativa, è possibile pervenire alla vera giustizia.

Viviamo una fase difficile eppure stimolante della lotta alla criminalità organizzata, il moltiplicarsi degli arresti, dei sequestri e delle confische, induce a gesti coraggiosi e responsabili da parte delle istituzioni e lancia a noi che siamo l’avamposto dello Stato sul territorio nuove e complesse sfide.

In questo senso, quanto verificatosi a Borgetto, ci impone un più profondo rigore nella costante attività di “igienizzazione” del governo degli enti locali e dei relativi uffici dirigenziali.

Gli scriventi si associano al plauso rivolto dal sindaco alle autorità e alle forze dell’ordine in relazione all’arresto del boss Raccuglia e rivolgono un analogo tributo di merito ai ROS che hanno disposto il sequestro di beni immobili di ingente valore in territorio di Isola delle Femmine, invitando la Giunta e il Consiglio a riconoscere il pregio dell’operazione Rebus.

Infine con riferimento all’inciso contenuto nella delibera n. 52 del C.C. del 28/09/09:

“Giova ricordare peraltro che il personaggio proprietario del bene confiscato, in occasione delle scorse elezioni amministrative, sosteneva il candidato della lista Rinascita Isolana, Rosario Rappa”,

questo gruppo consiliare pretende che venga inserita al verbale della seduta odierna la seguente dichiarazione:

“Giova ricordare peraltro che il personaggio proprietario del bene confiscato, in occasione delle scorse elezioni amministrative, sosteneva il proprio nipote Cutino Marcello, candidato della lista Progetto Isola”.

Quello del sindaco sarà stato un lapsus, ma sulla posizione del Cutino e della Giunta, sarà ormai il Prefetto a pronunciarsi.

Isola delle Femmine, 25/11/09

I consiglieri comunali di Rinascita Isolana





Al Presidente del C.C.

Al sindaco

Oggetto: interrogazione al sindaco

I sottoscritti, consiglieri comunali del gruppo consiliare Rinascita Isolana, ai sensi dell’art. 9 commi 7 e ss. del Regolamento per il funzionamento del Consiglio Comunale

CHIEDONO

Risposta verbale del sindaco – da tenersi alla prossima seduta del C.C. – in merito al seguente argomento:

“Ruolo del geometra Giovanni Impastato in seno all’Amministrazione Comunale di Isola delle Femmine”

In forza della determinazione del sindaco n. 20 del 6 luglio 2009, il geometra Giovanni Impastato è stato nominato consulente a titolo gratuito nelle materie tecniche del settore della vivibilità urbana – arredo urbano – piani strategici territoriali, per il periodo di mesi tre, decorrenti dall’1 luglio 2009.

Dal 30 settembre 2009 pertanto è da ritenersi concluso l’incarico di esperto del sindaco conferito a titolo gratuito al succitato professionista.

Poiché non risulta agli scriventi esser stato pubblicato alcun atto di rinnovo del rapporto di consulenza a cura dell’Amministrazione Comunale di Isola delle Femmine e poiché lo stesso geometra Impastato continua ad esser quotidianamente presente all’interno della Casa Comunale e ad accompagnare il sindaco e la Giunta nelle missioni presso la Provincia e la Regione anche all’interno dell’auto di servizio del Comune,

il sindaco chiarisca:

- Il ruolo del geometra Impastato in rapporto all’attività del governo di Isola delle Femmine e del personale in servizio presso il Comune;

- La relazione esistente tra il suddetto professionista e i responsabili di settore, con particolare riferimento ai vertici dell’UTC (controllo, supporto, consulenza, direzione???).

I sottoscritti invitano il Presidente del C.C. a sollecitare una risposta del sindaco che sia rispettosa dei termini previsti dal Regolamento Consiliare, anche in considerazione del fatto che:

- Lo stesso Impastato era assessore ai LL. PP. del Comune di Isola delle Femmine sino al giugno scorso e, ciò nonostante, ha continuato a svolgere attività professionale nel territorio;

- Il succitato professionista è zio dell’assessore Cutino Marcello, di cui sono state richieste da tempo le dimissioni;

- Occorre garantire il massimo rispetto della privacy ai cittadini che si rapportano all’Amministrazione Comunale – evitando che soggetti privi di legittimazione istituzionale o comunque contrattuale possano conoscere di informazioni personali e riservate – e la massima libertà ai dipendenti comunali nello svolgimento della propria attività lavorativa.

Isola delle Femmine, 25/11/09

I Consiglieri Comunali di Rinascita Isolana



*Ho paura, ma vado avanti

*Un letto a tre piazze

*Pino Ciampolillo intervista il “Sindaco Prof Gaspare Portobello


*Ho paura ma vado avanti

*La solitudine di un letto a tre piazze

*IO non ho PAURA

*HO PAURA MA VADO AVANTI

*
LA FORZA DI ANGELA Angel...


*Sindaco e Assessori Arrestati


*Ho paura ma vado avanti



*Pino intervista Gaspare

*Intervista a: Gaspare Portobello

*Intervista a Portobello sindaco di Isola delle Femmine


*La solitudine di un letto a tre piazze

*Sindaco e Assessori Arrestati


*Ho paura ma vado avanti


*Pino intervista Gaspare

*Arrestati il sindaco di Licata, assessore e vicepresidente del ...

*Ho paura ma vado avanti

BORGETTO: INTIMIDAZIONE AL SINDACO DAVI'. LA SOLIDARIETA' AL PRIMO ...

Il Ponte s'ha da fare… « NuovoSoldo.it


Enrico Di Giacomo » Blog Archive » MAFIA E POLITICA IN SICILIA ...


MilanoBit » MILLS: PROCESSO BERLUSCONI RIPRENDE IL 27 NOVEMBRE ...


Filippo Di Maria curava la casa di Scopello del senatore Antonino ...


Area a rischio ambientale, le indagini dell'Oms


E fra le carte di Raccuglia spunta Gaspare Lo Nigro


Attentato incediario contro auto sindaco Borgetto LiberaMente


Borgetto, incendiata l'auto del Sindaco Fascio e Martello

Licenza Edilizia in sanatoria Riso Rosaria n 26

COMUNE DI ISOLA DELLE FEMMINE


(PROVINCIA DI PALERMO)


CONCESSIONE EDILIZIA N° 26 DEL 26/11/2009


IL RESPONSABILE DEL III SETTORE U.T.C.


(pratica edilizia n. 21/2003)


VISTA la Legge urbanistica n. 1150/42 e successive modifiche ed integrazioni;


VISTA la Legge n. 10 del 28/01/1977;


VISTO il D.M. LL.PP. del 10/05/1977;


VISTA la Legge n. 457 del 05/08/1978;


VISTA la Legge Regionale n. 71 del 27/12/1978;


VISTA la Legge Regionale n. 70 del 18/04/1981;


VISTA la L.R. n. 4 del 2003;


VISTA La L.R. n. 7 del 2003;


VISTA la domanda del 27.10.2003 – p.llo n° 15057 e la successiva inoltrata in data 24.04.2009 con nota protocollon° 6729, presentate dalla sig.ra Riso Rosaria, nata a Palermo il 25.03.1956 e residente in Por Lamar (Venezuela) viaAvenida Miranda n° 17, fiscalmente domiciliata in Isola delle Femmine (Pa), Via Roma n° 150, codice fiscale: RSI RSR56C65 G273D, con la quale chiede la concessione edilizia per la realizzazione di un fabbricato per civile abitazione sul lotto diterreno identificato al catasto al foglio di mappa n° 1 – p.lle nn. 669 e 246;


VISTO l’atto di Donazione del 10/09/2002, stipulato dinnanzi al Notaio Maria Antonietta Morici di Palermo, Rep. n.44067, Racc. n. 9100, registrato a Palermo il 25/09/2002 al n. 1V/3832 e trascritto presso la Conservatoria dei RR.II. il16/09/2005 ai nn. 32251/27707;


VISTI gli elaborati allegati all’istanza del 24.04.2009 – p.llo n. 6729, redatti dal Geometra Vincenzo Dionisi, iscritto alCollegio dei geometri della Provincia di Palermo al n. 3604, composti da: 1) relazione tecnica-dati metrici; 2) tavola n. 2:stralci-planimetrie; 3) piante-prospetti e sezioni.


VISTO il frazionamento del 26.01.2009 redatto dal firma del Geom. Vincenzo Dionisi, con il quale vengono stralciatele aree ricadenti nella sede stradale. Le nuove particelle che costituiscono l’esatta identificazione del lotto sono le p.lle nn.2403 e 2405 del foglio di mappa n. 1;


VISTO il parere favorevole della C.E.C., espresso in data 15/10/2009, a condizione che i portici (chiusi per i duelati) vengano riproposti in modo tale da non costituire volume;


VISTI gli elaborati grafici trasmessi in data 19/11/2009 – p.llo n. 18200, adeguati alle prescrizioni della C.E.C. di cui alparere sopra citato;



ACCERTATO che l’intervento proposto consiste nella realizzazione di un fabbricato per civile abitazione, su tre livellifuori terra (piano terra, primo e secondo) oltre uno interrato (piano cantinato), su un lotto della superficie pari a mq. 293,00 invia Garibaldi angolo via Messina, con sei unità abitative (due ogni piano), lastrico solare condominiale accessibile, e pianocantinato da destinare parte a parcheggio (mq. 147,00) e parte come locale tecnico. Il tutto con una cubatura prevista pari amc. 1.455,50 ed una superficie massima coperta pari a mq. 170,00 (al piano primo);


VISTA la dichiarazione sostitutiva di certificazione antimafia, trasmessa con nota p.llo n. 18594 del 26/11/2009sottoscritta ai sensi del D.P.R. n. 445/2000, a firma della sig.ra Riso Rosaria, nata a Palermo il 25.03.1956, con la qualedichiara di: a) “non essere sottoposto a procedimento penale per gli art. 416 bis “Associazione di tipo mafioso”, 648bis“Riciclaggio” e 648 ter del Codice Penale”; b) “non avere subito condanne con sentenza passata in giudicato per i reati di cuiagli artt. 416 bis e 648 bis del Codice penale”;


VISTA la nota p.llo n 18594 del 26/11/2009 – con la quale la ditta istante, trasmette il deposito del Genio Civile diPalermo, p.llo n° 23609 del 25/11/2009 – ai sensi della L. n° 64/74 art. 17 e Legge n° 1086/71. Dal deposito dei calcoli pressoil genio civile, risulta che: il progettista delle strutture ed il direttore dei Lavori delle strutture è l’ing. Giovan Battista Accardi,iscritto all’ordine degli ingegneri della Provincia di Palermo al n° 3695;


VISTO il parere favorevole p.llo n. 498/IP del 23/11/2009 rilasciato dall’AUSL N. 6 – Palermo – DipartimentoPrevenzione – Area Dipartimentale Igiene e Sanità Pubblica, Unità Operativa di Prevenzione n. 8 – CARINI;


VISTO l’atto di vincolo a parcheggio del 10/11/2009 – repertorio n° 49965 – raccolta n° 11944, redatto ai sensi dellaL. n. 765 e della Lr. 19/72 e ss.mm.ii., sottoscritto dalla ditta istante presso il Notaio Maria Antonietta Morici, notaio in Palermo,registrato in Palermo il 23.11.2009 al n° 1T/8925. Con tale atto viene vincolata un’area a parcheggio per una superficiecomplessiva di mq. 147,00, al piano cantinato del fabbricato.


VISTA la dichiarazione sostitutiva sottoscritta in data 24/11/2009 e trasmessa con nota p.llo n. 18594 del 26/11/2009sottoscritta dalla signora Riso Rosaria e dal Geometra Vincenzo Dionisi, sopra generalizzati, con la quale ai sensi delD.P.R. n. 445/2000 – articoli nn. 46, 47,75 e 76, dichiarano, ciascuno per le proprie competenze, di avere trasmesso presso la


Soprintendenza ai BBCCAA di Palermo, in data 17/06/2009 – p.llo n. 10624 del 06/07/2009 – ricevuta n. 2741/P, lo stessoprogetto che ha ottenuto il parere favorevole della C.E.C., relativo l’intervento di concessione edilizia, e che dalla data dellaultima integrazione trasmessa alla Soprintendenza ai BBCCAA, sino alla data odierna, sono decorsi oltre 120 giorni, senzarichiesta di integrazione o sospensione da parte della Soprintendenza ai BBCCAA., intendendo il parere della soprintendenzaai BBCCAA assentito, come previsto dall’articolo 46 della Legge regionale n. 17 del 28 dicembre 2004.


CONSIDERATO che per l’intervento richiesto, sono dovuti gli oneri concessori, predisposti dal tecnico incaricato eritenuti congrui dall’U.T.C., di cui alla nota p.llo n. 18290 del 20.11.2009, aggiornati sino alla data di Agosto 2008.


Gli oneri concessori dovuti, ammontano complessivamente ad 24.147,44, cosi suddivisi: a) 12.822,96 per oneri diurbanizzazione. b) 11.324.48 per costo di costruzione.


Relativamente agli oneri di urbanizzazione risulta trasmessa con nota p.llo n. 18594 del 26.11.2009, il pagamento della 1°rata, versata con bollettino postale n. vcy 0899 del 24/11/2009, pari ad 2.564,59;


Le restanti 4 (quattro rate), di eguale importo pari ad 2.564,59, per oneri di urbanizzazione dovranno essere pagate entro 6(sei) mesi dal pagamento della prima rata;



Relativamente al costo di costruzione risulta versato il pagamento della 1° rata, con bollettino postale n. vcy 0900 del24/11/2009 pari ad 3.397,34;


Le restanti 2 (due) rate del costo di costruzione dovranno essere pagate entro le seguenti date: 1) 3.397,34, entro un annodalla data di inizio dei lavori; 2) 4.529,79 entro 60 (sessanta) giorni dalla data di ultimazione dei lavori e comunque primadel rilascio del certificato di agibilità/abitabilità.


VISTO il bollettino di pagamento di 516,00 per diritti di segreteria – n. vcy 0901 del 24/11/2009;


VISTA la polizza fidejussoria n. M0991265600 del 20.11.2009 stipulata presso l’agenzia della FONDIARIA S.A.I. spa diCapaci – n° 948, a garanzia degli importi residui degli oneri concessori pari ad 18.185,51, con scadenza il 20.01.2014;


VISTO il P.R.G. approvato con D.A. n. 83/1977;


VISTO IL P.R.G. ed i relativi emendamenti adottato con Delibera n. 33 del 01/08/2007;


VISTA la dichiarazione p.llo n. 18594 del 26.11.2009, resa dal Geom. Vincenzo Dionisi, sopra generalizzato, che gli elaboratidi progetto prodotti sono conformi al disposto delle vigenti disposizioni di cui alla Legge n° 13/89 e successivo DM n° 236/89;


Per tutto quanto sopra;


RILASCIA

fatti salvi i diritti di terzi,


alla sig.ra Riso Rosaria, nata a Palermo il 25.03.1956, residente in Por Lamar (Venezuela) via Avenida Miranda n° 17, efiscalmente domiciliata in Isola delle Femmine (Pa), Via Roma n° 150, codice fiscale: RSI RSR 56C65 G273D, laconcessione edilizia per la realizzazione di un fabbricato per civile abitazione, su tre livelli fuori terra (piano terra, primo esecondo) oltre uno interrato (piano cantinato), su un lotto censito al catasto terreni al foglio di mappa n. 1 – particelle nn.2403-2405, della superficie pari a mq. 293,00 posto ad angolo fra la via Garibaldi via Messina. Il fabbricato prevede sei unitàabitative (due ogni piano); un lastrico solare condominiale accessibile e piano cantinato da destinare parte a parcheggio (mq.147,00) e parte come locale tecnico. Il tutto con una cubatura prevista pari a mc. 1.455,50 ed una superficie massima copertapari a mq. 170,00 (al piano primo).


Tale concessione viene rilasciata in conformità al progetto allegato che ne fa parte integrante e sostanziale del presenteprovvedimento e sotto l’osservanza dei regolamenti comunali di edilizia e di igiene e di tutte le disposizioni vigenti, nonchédelle prescrizioni di cui al parere della C.E.C..e dei citati nulla osta e pareri e delle seguenti prescrizioni:


L’INIZIO DEI LAVORI È SUBORDINATO:

A) Alla trasmissione presso questo U.T.C. della convenzione con la ditta specializzata ed autorizzata per ilconferimento in discarica degli inerti, come disposto dalla Circolare della Provincia Regionale di Palermo, protocollon. 891/Ass.ore del 26/10/2006, ed articolo n. 192, comma 1 del D.Lgs. 152/2006 (testo unico ambientale);


B) Alla trasmissione presso questo UTC del D.U.R.C. (Documento Unico di Regolarità Contributiva) dell’impresa edile


realizzatrice, come disposto dalla Circolare del Ministero del Lavoro e politiche sociali, del 22 dicembre 2005, n. 3144;


C) Alla trasmissione del progetto per il risparmio energetico in ottemperanza alla normativa vigente in materia;


D) Alla sottoscrizione del progetto degli impianti tecnologici dalle ditte esecutrici come previsto dal DM n. 37/2008;


E) Agli adempimenti di cui alla legge 2/2/1974 n. 64 per le opere in cemento armato, e a quelli previsti dalle vigentinorme antisismiche;


si specifica altresì che:


- Nessuna modifica può essere apportata al progetto senza autorizzazione/concessione comunale, pena le sanzioni di cui allaL.R. 37/85 e L. 47/85 e ssmmii;


· Debbono essere fatti salvi, riservati e rispettati tutti i diritti di terzi;


· Le opere dovranno avere inizio entro un anno dal rilascio della presente ed essere ultimate e rese abitabili entro tre anni dalloro inizio, pena la decadenza;


· Nel cantiere deve essere esposta una tabella indicante numero, data e oggetto della concessione, le generalità delproprietario, del progettista, del direttore del Lavori, e dell’assuntore dei lavori, come prescritto dalla L.R. 37/85;


· Il cantiere sui lati prospicienti spazi pubblici deve essere chiuso con assiti e delineato con segnalazioni anche notturne.


L’eventuale occupazione di suolo pubblico dovrà essere preventivamente autorizzata;


· E’ vietata la manomissione dei manufatti dei servizi pubblici, la cui presenza dovrà essere segnalata subito all’Enteproprietario;


· La presente concessione dovrà essere custodita sul luogo dei lavori ed esibita al personale di vigilanza e di controllo delComune, autorizzato ad accedere al cantiere, come prescritto dalla L.R.37/85;


· E’ prescritta l’osservanza di tutte le disposizioni di legge e regolamenti vigenti in materia, anche se non richiamate nelpresente provvedimento;


· Le violazioni e le inosservanze delle norme vigenti o di quanto prescritto con la presente concessione saranno punite comeprevisto dalle L.R. 71/78 e 37/85 e L.47/85;


Si autorizza l’apertura al cantiere.


Il Responsabile del I servizio


Arch. Sergio Valguarnera


Il Responsabile del III Settore


Arch. Sandro D’Arpa


SI CERTIFICA

Su conforme relazione del messo comunale, che la presente concessione è stata pubblicata all’albo pretorio, ai sensi dell’art.37 della L.R. 71/78 per 15 giorni consecutivi, dal ………………….. al ………………... e che contro la stessa ………..… sonostati presentati opposizioni o reclami.


Isola delle Femmine, ………………….. Il Segretario Comunale Dr. Manlio Scafidi


La sottoscritta Riso Rosaria, nata a Palermo il 25.03.1956, residente in Por Lamar (Venezuela) via Avenida Miranda n° 17, efiscalmente domiciliata in Isola delle Femmine (Pa), Via Roma n° 150, codice fiscale: RSI RSR 56C65 G273D, DICHIARA diobbligarsi all’osservanza di tutte le condizioni della presente concessione cui essa è subordinata e pertanto consente e vuoleche la presente venga trascritta a favore del Comune di Isola delle Femmine contro essa stessa dichiarante, esonerando ll’uopo il Signor Conservatore dei RR.II. di Palermo da ogni e qualsiasi responsabilità al riguardo.


Isola delle Femmine, ...........................


IL CONCESSIONARIO


(Rosaria Riso)












*Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori


*“Spazi Chiusi” dell’arch D’Arpa


*“Spazi Chiusi” dell’arch D’arpa circolare 53969 09/03


*Art 10 legge 47/85 Opere Precarie
*
Art. 17 della legge 28 gennaio 1977 n. 10 Opere precarie




* Albert


ROS sequestrano 15 milioni di beni ai mafiosi tra Palermo Cinisi Carini Isola delle Femmine


Acqua in bocca


Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori


IO non ho PAURA


Architetto D'Arpa Sandro conferimento della Posizione organizzativa del 3° Settore Tecnico


D’Arpa e Dintorni




ABBBBBUSIVISMO Edilizio Ordinanza 75 Callea moglie del Sindaco Portobello



ABUSIVISMO EDILIZIO Ordinanza 70 RISO ROSARIO



ABusivismo edilizio Pino Ciampolillo



CONDONO EDILIZIO CORTE COSTITUZIONALE SENT 54/09



Cristiano Bevilacqua: L’urbanistica nella sua evoluzione









*SANATORIA Decreto AA BB CC (sblocca istanze)


L.R. 4/03 articolo 20 circolare











Licenza Edilizia 21 Spanò Giuseppe



LICENZA EDILIZIA BRUNO ROSARIO GRECH



LICENZA EDILIZIA GIAMBONA



Licenza Edilizia in Sanatoria 20 Prefabbricati Nord



Licenza Edilizia in Sanatoria 22 Bruno Salvatore



Licenza Edilizia in sanatoria 23 Russo Caterina



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA DI LORENZO EMANUELE



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA DI LORENZO PIETRO



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA GAMBINO GIOVANNI



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA GAMBINO GIOVANNI



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA MAZZOLA ANTONINA



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA RIZZO PROVVIDENZA



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA RIZZO ROSALIA



LICENZA EDILIZIA IN SANATORIA VASSALLO ANTONIETTA



LICENZA EDILIZIA IN VARIANTE CARDINALE ORAZIO


Licenza Edilizia in Sanatoria 27 Fardella Maria

Licenza Edilizia in sanatoria Riso Rosaria n 26

LICENZA EDILIZIA LA FATA MARIA ANTONIA



LICENZA EDILIZIA LO BELLO /RALLO



LICENZA EDILIZIA POMIERO



LICENZA EDILIZIA SCALICI GIUSEPPE






LICENZA EDILIZIA TINNIRELLO



MONITORAGGIO ABUSIVISMO EDILIZIO



ORDINANZA N 57 13 OTTOBRE 2009 VINCOLI URBANISTICI



ORDINANZE U.T.C Lucido,Bruno,Romeo,Crivello,Bologna,Caltanisetta,Rubino



P.R.G. normativa Approvazione Adozione PRG



Ripristino stato dei luoghi FORESTA Caterina



SENTENZA VERANDA ISOLA DELLE FEMMINE

domenica 22 novembre 2009

Pino Ciampolillo intervista il “Sindaco” il Prof Gaspare Portobello


HO PAURA MA VADO AVANTI LA FORZA DI ANGELA

Angela Corica giornalista della Calabria Ora ha solo 21 anni ma la forza travolgente di una passione.
Caricato da isolapulita. - Guarda gli ultimi video.



Pino Ciampolillo intervista il "sindaco" Prof Gaspare Portobello


E' stata notificata alla Signora Callea Maria Grazia moglie del Sindaco Portobello un'ordinanza in cui si informa che a seguito degli accertamenti effettuati dai Carabinieri con l'U.T.C. di Isola delle Femmine è stato avviato un procedimento amministrativo ed è stata emessa la relativa ordinanza di demolizione di uno scantinato abusivo e di ripristino dei luoghi


Una semplice domanda al Nostro "Sindaco" : Il Sindaco Portobello era a conoscenza di aver fatto un abuso edilizio?

E se ne era a conoscenza.
Perchè il Signor "Sindaco" non si è preoccupato di autodenunciarsi per l'abuso edilizio?
Supponiamo che il fantomatico Comitato per la Legalità non avesse denunciato l'abuso del Signor "Sindaco" Portobello, il tutto sarebbe stato forse sottaciuto da parte Sua Signor "Sindaco" Gaspare Professore Portobello?
Signor "Sindaco" questi comportamenti illegali non sono ammessi per il semplice cittadino pensi la gravità se l'atto di illegalità viene esercitato da un "Sindaco"!
Cosa ne Pensa?
Proprio per sapere cosa ne pensa mi decido ad andare a parlargli direttamente a casa sua :

Signor "Sindaco" sediamoci un attimo e parliamo un pò, se Le riesce a ruota libera dunque......

Signor Sindaco vorrei chiederLe se Lei è a conoscenza del coinvolgimento, diretto o indiretto, di amministratori, consiglieri comunali, componenti della commissione Edilizia, o componenti dell'Ufficio Tecnico Comunale , in vicende di abusivismo edilizio, e se sì, quali azioni prenderà l’amministrazione comunale nei confronti degli stessi?

Non voglio rispondere a qualcosa che non esiste, è tutto inventato, noi siamo una piccola comunità e da quando faccio Io il " Sindaco" siamo in un'isola felice

Signor Sindaco, se me lo concede, vorrei subito chiederLe, sono questi i locali che le sono stati contestati come costruzione abusive?

Le confesso l'immagine che se ne ricava dalla lettura dell'ordinanza è del tutto diversa da ciò che realmente vedo. Complimenti Signor "Sindaco" ha proprio un bellissimo appartamento qui sotto ed è anche grande. Immagino le mangiate e mangiatine!

Immagino che i suoi amici di partito approfittino benevolmente della Sua ospitalità, durante il periodo delle elezioni amministrative. Certo qui ci stanno tantissime persone. Complimenti ancora Signor "Sindaco", scusi se approfitto ho un bisogno urgente c'è mica un bagno qui sotto? Faccio in un attimo grazie.

Dunque dicevamo ....

Signor "Sindaco" sembra che il tempo sia passato invano, non Le sembra?

Ha notato chi ha firmato la Sua ordinanza?

Si!

E' proprio Lui!

L'architetto Albert come parecchi anni addietro ancora Lui a contestarLe un abuso edilizio!

Signor "Sindaco" quanti solleciti Le aveva fatto l'architetto Giovanni Albert nella sua funzione anche allora di Responsabile delle sanatorie mentre Lei era Assessore (è vero Assessore lo è stato sin da quando aveva i calzoncini corti, adesso che ricordo ha avuto la delega alla raccolta rifiuti? Raccolta differenziata e se ricordo bene è sotto la sua gestione che è stata fatta l'isola ecologica. faccia un piccolo sforzo, si ricorda quando è stata collaudata l'isola ecologica?) ?

Si d'accordo non era Lei l'unico presunto abusivo dell'amministrazione, se ho letto bene dagli atti c'era anche l'Assessore, se la memoria non mi inganna forse aveva la delega alla Pesca oppure alle Cooperative ma insomma qualcosa faceva e lo stipendio lo riceveva.

Talmente "ligio" al suo dovere -Albert-, (qualcuno aveva azzardato addirittura l'ipotesi di "persecutore" nei Suoi confronti oltre che nei confronti dell'Assessore), che siete stati costretti a proporre il suo licenziamento ricorda Signor "Sindaco" ? Se ben ricordo Signor "Sindaco il giorno 2 marzo del 2004 con la delibera 34 si è adottato un provvedimento disciplinare a carico del dipendente Architetto Giovanni Albert Licenziamento senza preavviso. Un attimo, se ben ricordo la giunta era composta da : Aiello Paolo Portobello Gaspare Lucido Salvatore! Me lo conferma Signor "Sindaco"?

A proposito Le sarà arrivato all'orecchio, Signor "Sindaco" che anche l'ex Assessore è stato coinvolto in questa vicenda delle verande, pensi l'ordinanza. anche questa volta porta la firma dell'Architetto Albert Giovanni. E Lui, da buon ex ha ingaggiato un furioso violentissimo e negativo "encounter" sotto la sede del Comune con l'architetto Albert reo ancora una volta di aver contestato un reato di abusivismo edilizio. (a richiesta il video della scena)

Si è vero Signor "Sindaco" sembra proprio un film girato alla fine degli anni 90! Purtroppo per Lei e per i Suoi amici, a causa dei comportamenti che mettete in campo, la pellicola è ancora in ottimo stato.

Incompatibilità Ambientale?

Non le pare?

Signor "Sindaco" se la Sua risposta è Si come immagino! A Lei la soluzione!

Anzi l'alternativa: Le Sue dimissioni (non mi sembra il caso)

Oppure riproporre la rimozione dall'incarico dell'Architetto Giovanni dall'Ufficio Sanatoria!

Signor “Sindaco”, spero si renda conto, la fotografia che ne emerge è alquanto allarmante e desolante per la nostra piccola civile e laboriosa comunità di Isola delle Femmine.

Oggi. A Isola delle Femmine si pone un problema di credibilità ed affidabilità unita all’onesta alla coerenza alla trasparenza, alla capacità oltre che alla competenza delle persone impegnate nella politica e nella gestione della Cosa Pubblica.

Mi chiedo e Le chiedo:
Si ritiene Lei affidabile come Amministratore, dopo aver accettato qualsiasi tipo di compromesso pur di farsi rieleggere “Sindaco”? Lei quando dichiara candidamente di essere a conoscenza che la mafia durante la campagna elettorale ha “sponsorizzato” dei candidati e che NULLA ha fatto per tutelare e garantire la legalità ai Suoi Concittadini si è chiesto quale credibilità pensa ancora di avere da parte dei Suoi Concittadini? Anzi, per sfidare la legalità, Lei Signor “Sindaco” nel tentativo di rafforzare questa Sua visione della lotta alla mafia nomina Assessore proprio un nipote di quel Signore che Lei Pubblicamente ha definito mafioso. Ma su questo le autorità giudiziarie stanno conducendo le dovute indagini.

Signor “Sindaco”, ritiene Lei affidabile l’architetto Albert nella sua funzione di responsabile dell’Ufficio sanatoria di Isola delle Femmine, dopo averlo criticato emarginato licenziato in quanto nel fondo dei cassetti giacevano circa 800 pratiche di sanatorie non evase? Oppure vi è stata una montatura contro l’architetto Albert?

Mi scusi Signor “Sindaco” visto che ormai l’ufficio della Trasparenza e della Legalità di cui tanto Lei si vanta, funziona ad intermittenza (l’efficienza dell’ufficio è inversamente proporzionale alla posizione politica del cittadino che richiede un atto pubblico), perché non chiede (io ci ho provato nel 2007. La risposta? NESSUNA) al Suo Responsabile dell’Ufficio tecnico per comunicarlo alle Autorità competenti ed ai Cittadini di Isola delle Femmine:


1) il numero esatto delle richieste di condono edilizio inoltrate e distinte secondo le varie leggi in materia, negli ultimi 10 anni;


2) il numero di nominativi delle richieste di condono edilizio che hanno conseguito il rilascio dell’autorizzazione in sanatoria negli ultimi 10 anni;


3) il numero di nominativi delle richieste integrate e non evase, negli ultimi 10 anni;


4) l’importo degli oneri di urbanizzazione nonché delle percentuali sull’oblazione trattenute dal comune, negli ultimi 10 anni;


5) l’impiego delle suddette somme da parte del comune ed in particolare i costi finora sostenuti per il disbrigo delle pratiche (consulenze, Co.co.co, Co.co. pro. e via dicendo), negli ultimi 10 anni.


6) Visto che si trova nella stanza del Responsabile dell’UTC può chiedere in quale data è stato trasmesso il Piano Regolatore Generale adottato dal C.C. del 3 agosto 2007.


Ritorniamo alla nostra discussione sull’affidabilità credibilità e fiducia che i Cittadini dovrebbero aver verso la Sua Amministrazione ed ai Suoi uffici.


Abbiamo parlato di edilizia abusivismo licenze controlli e…………..

Quale pensa sia il livello di fiducia che i Cittadini dovrebbero riporre nei confronti dell’U.T.C. quando ad un familiare del Responsabile dell’U.T.C. gli viene contestato il reato di abusivismo edilizio? Ordinanza 67/R.O. 4.12.05 di Sospensione dei lavori
Non vorrei chiederLe perché i cittadini di Isola delle Femmine dovrebbero riporre la loro fiducia nel Suo vicesindaco che pur non essendosi mai impegnato nella politica isolana improvvisamente si ritrova con TUTTI quei voti. E' pur vero che il fratello ha combattuto tanto contro la mafia al punto di farsi bruciare l’auto oltre al fatto che con un vero artifizio è riuscito a far vincere Lei nelle elezioni amministrative. E’ pur vero che ad un fratello antimafioso si contrappone uno zio che pubblicamente ammette: “io ho cercato voti per lui perché è mio nipote”.


Signor “Sindaco” mi spiace tanto, ma non sono riuscito a trovare nessun motivo per cui i cittadini di Isola delle Femmine dovrebbero mostrare un briciolo di credibilità nei confronti dell’Assessore Cutino pronto a candidarsi con chiunque gli garantisca la Sua elezione volta al solo scopo di evitare il trasferimento di sede lavorativa. Un candidato pronto ad accettare voti e sponsorizzazioni di TUTTI nessuno escluso. Nel 2004 sino all'ultimo era candidato con la carica di vicesindaco nella lista a Lei avversa. Qualcuno gli aveva forse informato che quella lista avrebbe perso le elezioni e Lui pronto di riflessi cambia lista ed il colpo gli riesce vince le elezioni e non viene trasferito di sede! Complimenti ottimi "informatori".


Se per quanto sopra detto la Sua risposta è

“Abbiamo Vinto le elezioni”

Io Le rispondo è vero!
Vincere è “facile”, amministrare è difficile, in particolare da parte di chi della politica ne ha fatto un mestiere da cui ricavare vantaggi per sé per la famigghia e per il suo clan. Pensi un po’ al Suo Assessore all’ambiente che propone di trasformare uno dei pochi spazi verdi del nostro paese in una grande birreria con annesso pizzerie, uno dei proprietari risultava essere un parente! Il secondo dei tre proprietari sembra essere un Suo Consigliere Comunale, ma di questo Lei è ben informato. Signor “Sindaco” sul progettista di questa grande balera immersa nel verde ha qualcosa da dire?

Per stare in argomento di amici e parenti c’è forse qualche nipote interessato al piano demaniale di Isola delle Femmine, ove ancora una volta Signor “Sindaco” Lei sta dimostrando le VOLUTE inadempienze della Sua amministrazione.? L’assessore Regionale ha forse nominato il commissario ad acta per l’atto di delibera?

Come vede Signor “Sindaco” è tutto un disastro, Lei non riesce ad amministrare e Isola delle Femmine diventa sempre più un’isola infelice, smentendo la Sua convinzione di Isola delle Femmine come "isola felice". Ma dove campa Lei Signor Sindaco! E' anche vero che l'ottimismo è il sale della vita, il fatto è che ai Cittadini di isola delle Femmine avete portato via anche il sale.

Sento chiudere la porta di casa, quando mi rendo conto di aver dimenticato la domanda di attualità.
Animo e coraggio suono ancora una volta il campanello e mi riapre il “Sindaco”.
Scusi Signor “Sindaco”, avevo ancora qualche domanda da fare, Lei è informato che nei giorni scorsi i carabinieri dei ROS hanno sequestrato beni di mafiosi e loro prestanomi per 15 milioni di Euro?
Signor “Sindaco” Lei è informato che 11 lotti tra i beni sequestrati sono ubicati a Isola delle Femmine ed i beni consistono in magazzini terreni appartamenti e ville e sono ubicati in passaggio del Coniglio dalle parti dell’autolavaggio Fasone ? Si l’autolavaggio che da un giorno all’altro ha chiuso!
Signor “Sindaco” Lei è informato che undici lotti su undici sequestrati dai Carabinieri a Isola delle Femmine lotti al catasto risultano di proprietà di parenti di un DIPENDENTE del Comune di Isola delle Femmine?
Signor “Sindaco” quali provvedimenti Lei ha adottato a salvaguardia della Istituzione che Lei rappresenta, della legalità e dai pericoli di inquinamento mafioso della macchina amministrativa di Isola delle Femmine?

A questo punto mi fermo, mi accorgo che le domande hanno creato qualche tensione nel mio interlocutore, i segnali mi arrivano dal suo gesticolare, dall’espressione del suo viso dal movimento delle sue mani, le sue mani sono sudatissime e continua a strofinarsele, sono tutti segni evidenti di nervosismo e rabbia nei miei confronti. Ho capito che il “Sindaco” non ha alcuna intenzione di rispondere alle domande postegli, anzi mi conviene girare i tacchi e scappar via per evitare…..


Con stima e simpatia anche se non ricambiata “il nano malefico

n.b. la chiacchierata è puramente immaginaria. Avrei voluto realmente parlare con il nostro "sindaco". Haimè! LUI persona integerrima e fedele ai propri principi parla solo con le persone elette al Consiglo Comunale. Poverina la Signora ignara di tale convincimento del Sindaco ha dovuto subirne le ira ed improberi vari, la Signora è stata male pazienza Lei doveva sapere che LUI non può dare retta ai Cittadini con tutti i problemi che quotidiamente deve affrontare.










ABBBBBUSIVISMO Edilizio Ordinanza 75 Callea moglie del Sindaco Portobello


Albert


ABusivismo edilizio Pino Ciampolillo





Richiesta di intervento della commissione antimafia per sospette infiltrazioni mafiose al Comune di Isola delle Femmine