mercoledì 20 maggio 2009

SICILIA: SORBELLO, NESSUNA AUTORIZZAZIONE PER RADAR WIND-SHEAR

video Lo Curto Sorbello Cutino ...

 

SICILIA: SORBELLO, NESSUNA AUTORIZZAZIONE PER RADAR WIND-SHEAR


Palermo 20 Maggio 2009 ore 18,06

 

ASCA Palermo, 20 mag - ''Nessuna autorizzazione alla realizzazione del radar meteorologico (TDWR - Terminal Doppler Weather Radar) e' stata rilasciata dall'assessorato regionale Territorio e Ambiente''.

Lo ha ribadito l'assessore regionale siciliano Pippo Sorbello incontrando stamani il comitato ''No radar a Isola delle Femmine'' negli uffici dell'assessorato, aggiungendo che al momento esiste soltanto un parere di del Consiglio Regionale Urbanistica unicamente all'autorizzazione, in variante allo strumento urbanistico generale.

''Per quanto attiene agli aspetti di carattere sanitario - prosegue Sorbello - che sono di competenza di altri soggetti istituzionali, qualora dovessero emergere rischi per la salute umana, e' mio fermo impegno di procedere tempestivamente alla rivisitazione delle autorizzazioni rilasciate. Inoltre l'Assemblea Regionale Siciliana, nella seduta del 30 aprile 2009, ha approvato un ordine del giorno che impegna il Presidente dell'ARS ad istituire una Commissione d'inchiesta al fine di stabilire se il luogo dove sara' posto il sistema radar sia da considerarsi area sensibile e che eventualmente possa essere riconsiderato il sito per l'installazione del radar. A cio' si aggiunga la necessita' di acquisire il parere dell'Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente in merito alla compatibilita' del progetto con i limiti di esposizione all'inquinamento elettromagnetico. Infine, se fosse necessario, revocheremo il parere del Consiglio Regionale Urbanistica anche alla luce del fatto che il sito prescelto per l'installazione del radar e' lo stesso individuato nel febbraio di due anni fa e sancito con un protocollo d'intesa dove realizzare un acquario marino. Un progetto inserito nelle opere triennali della Provincia regionale di Palermo e che ha gia' un finanziamento di 80 milioni di euro della Comunita' Europea''.

''In ogni caso - ha concluso l'assessore - nessun apparato trasmittente sara' autorizzato e installato nel territorio siciliano e a Isola delle Femmine, se non nella massima sicurezza per la salute della popolazione residente.

Ribadisco che verranno messi in atto tutti gli strumenti, in raccordo con l'amministrazione comunale e i comitati cittadini, necessari per garantire il diritto alla salute e la tutela dell'ambiente.




dod/rg/ss Asca


http://www.asca.it/regioni-SICILIA__SORBELLO__NESSUNA_AUTORIZZAZIONE_PER_RADAR_WIND-SHEAR-399078-sicilia-16.html

ACQUARIO MARINO A ISOLA DELLE FEMMINE
http://isolapulita.blogspot.com/2007/02/assessorato-regionale-al-territorio-e.html
le scuse del comitato "no radar a isola delle femmine" a sorbello e alla lo curto eleonora per le accuse a loro rivolte dal presidente della commissione ambiente di isola delle femmine in un comizio nella piazza centrale di isola al suo fianco il sindaco gli assessori aiello giucastro impastato e tutta la lista progetto isola



ASSESSORATO DEL TERRITORIO E DELL’AMBIENTE


DECRETO 7 maggio 2009.


Autorizzazione del progetto per l’installazione di un impianto radar meteo presso il sito della Marina militare italiana


di Isola delle Femmine.


IL DIRIGENTE GENERALE DEL DIPARTIMENTO REGIONALE URBANISTICA


Visto lo Statuto della Regione;


26-6-2009 - GAZZETTA UFFICIALE DELLA REGIONE SICILIANA - PARTE I n. 29



Vista la legge 17 agosto 1942, n. 1150 e successive modifiche ed integrazioni;


Vista la legge regionale 27 dicembre 1978, n. 71 e successive modifiche ed integrazioni ed, in particolare, l’art. 57 della medesima norma, così come modificato dall’art. 89 della legge regionale n. 6/2001 ed integrato dall’art. 1 della legge regionale n. 5 del 14 agosto 2008;


Viste le altre leggi nazionali e regionali regolanti la materia urbanistica ed, in particolare, l’art. 7 della legge regionale 11 aprile 1981, n. 65, come modificato dall’art. 6 della legge regionale 30 aprile 1991, n. 15;


Visto l’art. 15 della legge regionale n. 78/76; Visto l’art. 10 della legge regionale 21 aprile 1995, n. 40;


Visto il foglio prot. n. 204433 dell’11 ottobre 2007, pervenuto il 17 ottobre 2007 ed assunto al protocollo di questo Assessorato in pari data al n. 7504, con cui l’ENAV S.p.A. ha richiesto, ai sensi dell’art. 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni,


l’autorizzazione del progetto, in variante allo strumento urbanistico vigente del comune di Isola delle Femmine, per l’installazione di un impianto radar meteo presso il sito della Marina militare italiana di Isola delle Femmine nell’ambito del programma di realizzazione del rilevamento “Wind Shear” a servizio dell’aeroporto di Palermo;


Vista la nota di questo Assessorato prot. n. 84617 del 21 novembre 2007, con la quale è stato chiesto al comune di Isola delle Femmine, interessato territorialmente dalla realizzazione delle opere, l’avviso previsto dall’art. 6 della legge regionale n. 15/91 sul progetto in argomento,


nonché, alla società ENAV S.p.A., l’integrazione degli atti trasmessi;


Vista la nota prot. n. 67641 del 4 settembre 2008, con cui questo Assessorato, in relazione alla subentrata legge regionale n. 5/2008, ha reiterato la precedente richiesta di documentazione ed ha richiesto al comune interessato l’avviso previsto dall’art. 7 della legge regionale n. 65/81;


Vista la delibera n. 44 del 17 ottobre 2008, pervenuta con il foglio prot. n. 14128 del 19 novembre 2008 ed assunta al protocollo di questo Assessorato il 9 dicembre 2008 al n. 91863, con la quale il consiglio comunale ha espresso il proprio avviso contrario alla localizzazione,


presso il sito della Marina militare di Isola delle Femmine, dell’impianto radar meteo di rilevamento del “Wind Shear”;


Vista l’ulteriore delibera n. 45 del 17 ottobre 2008, trasmessa in allegato al sopracitato foglio comunale, con la quale il consiglio comunale, nel ritenere non applicabile al progetto in argomento le previsioni della subentrata legge regionale n. 5/2008, ha determinato di non attivare la procedura di deroga prevista dall’art. 57 della legge regionale n. 71/78;


Visto il parere n. 11178 del 6 luglio 2008, con il quale l’ufficio del Genio civile di Palermo, ai sensi dell’art. 18 della legge n. 64 del 2 febbraio 1974, ha trasmesso il parere favorevole con prescrizioni relativamente al progetto di che trattasi;


Vista la nota prot. n. 50198 del 2 agosto 2006, con la quale il servizio 2/VIA-VAS di questo Assessorato, nel fornire alcune indicazioni da curare in fase di realizzazione, ha ritenuto non necessario procedere, ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. n. 357/97 e successive modifiche ed integrazioni, alla valutazione di incidenza del progetto;


Vista la nota prot. n. 2 del 12 gennaio 2009, con la quale l’unità operativa 3.1/D.R.U. di questo Assessorato ha trasmesso al Consiglio regionale dell’urbanistica, unitamente alla documentazione relativa al progetto della variante in argomento, la proposta di parere n. 1 del 12 gennaio 2009, resa ai sensi dell’art. 10 della legge regionale n. 40/95, che di seguito parzialmente si trascrive:


«... Omissis....


Premesso che:


Con nota datata 11 ottobre 2007, assunta al protocollo generale di questo Assessorato al n. 75041 del 17 ottobre 2007, il presidente dell’ENAV S.p.A. ha chiesto l’autorizzazione, ai sensi dell’art. 7, legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni, e la deroga


ai sensi dell’art. 57 della legge regionale n. 71/78 e successive modifiche ed integrazioni, per installazione di un traliccio porta antenna da utilizzare nell’ambito del sistema di prevenzione e rilevamento del fenomeno meteorologico “Wind Shear” sull’aeroporto di Palermo “Falcone e Borsellino”.


Il sito prescelto per l’installazione del radar meteorologico si trova all’interno di un’area di proprietà della Marina militare italiana nel comune di Isola delle Femmine.


Da quanto emerge dalla documentazione trasmessa, l’accesso all’area sarà garantito ricavando un nuovo ingresso


(attualmente è garantito dal cancello carraio esistente che si deriva dalla S.S. 113 Palermo-Trapani) dalla sottostante S.S. in modo da svincolare l’accesso al sito dal cancello carraio della Marina militare. Tale nuovo accesso sarà eseguito mediante la realizzazione di una


nuova rampa di raccordo con la strada statale 113, che sarà eseguito con parziale modifica del marciapiede in cemento esistente e risistemazione del medesimo.


L’area che sarà interessata alle operazioni di scavo e sistemazione superficiale ha uno sviluppo di mq. 400 di cui circa 150 da sottoporre a scavi per l’installazione di opere permanenti con profondità di metri 1; la nuova struttura in acciaio per sostenere l’altezza radar è pari a circa 21,430 metri.


Gli interventi previsti sono i seguenti:


— realizzazione della nuova rampa di accesso al sito;


— demolizione della recinzione esistente;


— formazione di cancello e nuova recinzione;


— realizzazione di basamento per traliccio porta antenna;


— realizzazione di un edificio denominato in progetto edificio energia;


— realizzazione di un basamento per la posa dello sheter del G.E.;


— realizzazione di cavidotti elettrici;


— istallazione di un serbatoio per il gasolio.


Per quanto attiene la disponibilità dell’area ed allo stato delle autorizzazioni e nulla osta chiesti dall’ENAV, l’istanza prima richiamata ha evidenziato che:


— “lo Stato maggiore della Marina militare italiana,... ha acconsentito alla dismissione temporanea dell’area richiesta da ENAV S.p.A. pari a circa mq. 100 più annessi per la costruzione di un traliccio porta antenna da utilizzare nell’ambito del sistema di prevenzione e rilevazione del fenomeno meteorologico wind shear sull’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo, demandando l’espletamento della pratica all’Agenzia del demanio;


— con verbale di dismissione del 7 febbraio 2006, l’Agenzia del demanio, con sede a Palermo, in presenza di un rappresentante dell’amministrazione della difesa marina Marigeminil (ME), concedeva ad Enav S.p.A. per la durata di 6 anni un’area di mq. 400 compresa nel foglio 2 nuovo catasto terreni, particella 7 e situata lungo la S.S. 113 nel territorio del comune di Isola delle Femmine, indicando la finalità: “installazione di apparati radar meteo per il controllo del traffico aereo” onde incrementarne la sicurezza del volo e migliorare la regolarità e la sicurezza delle operazioni di trasporto aereo;


— in data 26 maggio 2006 è stata predisposta e presentata la documentazione necessaria per il parere preventivo del Genio civile, il cui parere ed autorizzazione è stato ottenuto in data 6 luglio 2006;


— l’A.R.T.A. - serv. VIA-VAS, con nota del 2 agosto 2006, non ha ritenuto necessaria la valutazione d’incidenza ambientale ai sensi dell’art. 5 del D.P.R. n. 357/97, e successive modifiche ed integrazioni, in quanto l’opera non interferisce significativamente sui siti di importanza comunitaria;


— a seguito di ripetuti controlli effettuati nell’anno in corso, il sito concesso dalla Marina militare italiana è stato confermato come unico ed ottimale per le finalità di prevenzione, sorveglianza e rilevazione del wind shear in quanto risponde perfettamente alle specifiche tecniche nazionali e a quelle americane FAA nei riguardi delle piste di volo dell’aeroporto Falcone e Borsellino poiché garantisce una copertura adeguata del traffico aereo


in partenza ed in arrivo sulle piste dell’aeroporto;


— che l’opera, con disposizione ENAC prot. n. 37/DISPDG/ DG del 13 settembre 2007, è stata dichiarata di pubblico interesse ai sensi e per gli effetti del codice della navigazione;


— che nella disposizione citata si conferma che “... il radar TDWR rappresenta la componente fondamentale del sistema integrato per la rilevazione del wind shear sull’aeroporto di Palermo Punta Raisi, in quanto è l’unico sistema in grado di rilevare, nello spazio aereo non coperto dagli altri dispositivi la presenza di fenomeni di wind shear...”


(... Omissis...)


Rilevato che:


— dalla relazione tecnico-descrittiva si evince l’importanza dell’opera proposta, in quanto l’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo è sprovvisto di impianti che utilizzano la tecnologia radar meteo per le previsioni di wind shear, e non ha dispositivi in grado di rilevare il wind shear lungo i corridoi di avvicinamento e decollo delle due piste di volo; il progetto descrive le opere architettoniche ed impiantistiche da realizzare per l’installazione del radar meteo area terminale.


– Dalla “Disposizione ENAC n. prot. 37/DISPDG/DG del 13 settembre 2007”, si evince che “... ai sensi e per gli effetti dell'art. 696 del codice di navigazione che l’installazione del radar Terminal doppler weather radar (TDWR) in località Punta della Catena del comune di Isola delle Femmine prevista dall’Enav S.p.A. è di pubblico interesse”;


— il parere n. 11178 datato 6 luglio 2008, reso dall’ufficio del Genio civile di Palermo - sez. C infrastrutture-trasporti, favorevole con prescrizioni, autorizza ai sensi dell’art. 18 della legge n. 64/74, la realizzazione dei lavori;


— la nota datata 22 ottobre 2008, prot. n. 82758 del 4 novembre 2008, trasmessa dal comune di Isola delle Femmine, settore III/ufficio tecnico, con la quale si allega il certificato di destinazione urbanistica n. 32/2008 dell’area interessata all’intervento in oggetto, con la seguente specificazione:


— nel piano regolatore generale approvato con decreto n. 83/77, la particella n. 7, foglio di mappa n. 2, risulta in zona territoriale N - zona militare, normata dall'art. 21 delle norme di attuazione, secondo cui tale zona è “vincolata alle leggi militari”;


— nel piano regolatore generale adottato con delibera di consiglio comunale n. 33/2007, l’area ricade in ambito portuale, di cui alla delibera di consiglio comunale n. 28/2007 con cui è stato adottato il piano regolatore del porto che prevede per l’area in oggetto “area da destinare ad attrezzature turistico-alberghiere”;


— l’area identificata dal catasto al foglio 2, particella 7, ricade all’interno della fascia di rispetto dei 150 mt. di inedificabilità di cui alla legge n. 78/76;


– l’area è sottoposta a vincolo sismico di 2ª categoria e a vincolo paesaggistico ai sensi della legge n. 1497/39;


– il comune di Isola delle Femmine con le delibere di consiglio comunale n. 44 e 45 del 17 ottobre 2008 ha espresso la volontà di non approvare la variante urbanistica ai sensi dell’art. 7, legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni, e di non approvare la deroga ex art. 57, legge regionale n. 71/78 e successive modifiche ed integrazioni.


Considerato che:


— Dalla documentazione prodotta dall’ENAV, e da quanto segnalato dall’Agenzia nazionale per la sicurezza del volo, emerge che la realizzazione dell’impianto in oggetto nel sito individuato nel territorio del comune di Isola delle Femmine risulta urgente e necessaria per assicurare


all’aeroporto Falcone e Borsellino di Palermo migliori condizioni di sicurezza del volo;


— L’area interessata alla realizzazione dell’impianto in oggetto risulta nella disponibilità dell'ENAV da quanto risulta dagli atti che richiamano il verbale di dismissione del 7 febbraio 2006 dell’ “Agenzia del demanio”;


— Il parere della Soprintendenza per i beni culturali ed ambientali, relativamente al vincolo paesaggistico, non è ancora pervenuto. In presenza di avviso negativo del consiglio comunale di Isola delle Femmine la pratica va sottoposta al parere del Consiglio regionale dell’urbanistica, che, ai sensi dell’art. 59, ultimo comma, della legge regionale n. 71/78, in materia urbanistica sostituisce ogni altro parere di amministrazione attiva o corpi consultivi;


— La delibera n. 44 del 17 ottobre 2008, con la quale il consiglio comunale di Isola delle Femmine ha espresso parere contrario ai sensi dell’art. 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni, solleva problematiche che vertono principalmente sull’applicazione della legge regionale n. 5 del 14 agosto 2008, in quanto l’impianto in oggetto viene visto come nuova realizzazione, e non come gli interventi contemplati nell’art. 1 della legge regionale n. 5/2008 (opere di manutenzione straordinaria, ammodernamento e potenziamento, strettamente funzionali alla sicurezza dei voli negli aeroporti). La delibera n. 45 del 17 ottobre 2008, con la quale il consiglio comunale di Isola delle Femmine si è espresso negativamente alla deroga ex art. 57 della legge regionale n. 71/78 e successive modifiche ed integrazioni, risulta pleonastica alla luce dell’innovata procedura di autorizzazione ex art. 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni;


— Che l’intervento in oggetto rientra nelle finalità della legge regionale n. 5 del 14 agosto 2008 che ha innovato il procedimento autorizzativo ex art. 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni;


Tutto ciò premesso, rilevato, considerato, e visti gli atti ed elaborati trasmessi, il progetto in oggetto presentato dall’ENAV S.p.A., ai sensi dell’art. 7, legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni, va diviso, fatte salve le valutazioni del Consiglio regionale dell’urbanistica.»;


Visto il parere del Consiglio regionale dell’urbanistica, reso con il voto n. 144 del 18 marzo 2009, che di seguito parzialmente si trascrive:


«... Omissis...


Nella seduta del 5 febbraio 2009 si è svolta l’audizione autorizzata dall’Assessore a seguito di richiesta formalizzata dai rappresentanti del comune di Isola delle Femmine, e dai rappresentanti dell’ENAV, ente che ha attivato la procedura autorizzativa ex art. 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni. In quella sede, i rappresentanti del comune hanno esposto le ragioni per ritenere non idonea la localizzazione


dell’impianto nel sito proposto dall’ENAV, evidenziando inoltre la preoccupazione espressa dalla comunità locale per le possibili emissioni elettromagnetiche.


I rappresentanti dell’ENAV hanno a loro volta esposto i principali aspetti tecnici connessi alla localizzazione


dell’impianto anche in riferimento all’impossibilità di individuazione di siti alternativi. I rappresentanti dell’ENAV hanno inoltre chiarito di non essere a conoscenza di problematiche sulla salute pubblica segnalate dalle popolazioni che gravitano presso gli impianti similari già in funzione a servizio di alcuni aeroporti italiani. Infine è stata segnalata la necessità e l’urgenza di mettere in sicurezza l’aeroporto di Palermo Falcone e Borsellino, stante lo stato di pericolo causato dai frequenti fenomeni di “wind shear” durante le manovre di atterraggio e decollo.


— Sentiti i relatori che hanno illustrato la pratica e le motivazioni con le quali l’ufficio ha espresso parere favorevole in relazione all’avviso contrario del comune di Isola delle Femmine formalizzato con le deliberazioni consiliari n. 44 e n. 45 entrambe del 17 ottobre 2008;


— Considerato che i diversi aspetti emersi sia nel corso dell’istruttoria, sia in sede di audizione, rappresentati dalle parti interessate al procedimento autorizzativo, non sono tutti riferibili ai profili di natura prettamente urbanistica per i quali questo Consiglio è chiamato ad esprimersi, ma attengono a tematiche che saranno oggetto di specifici provvedimenti da acquisire preventivamente all’inizio dei lavori;


— Valutato l’argomento in esame, gli aspetti contenuti nella proposta dell’ufficio n. 1 del 12 gennaio 2009 che è parte integrante del presente voto, nonché quelli rappresentati in sede di audizione, il Consiglio, preso atto della necessità di dotare l’aeroporto di Palermo Falcone e Borsellino del sistema di rilevamento del fenomeno del “Wind Shear”, sotto il profilo urbanistico ritiene che la localizzazione dell’impianto in oggetto proposta dall’ENAV nell’ambito del procedimento attivato, ai sensi dell’art 7 della legge regionale n. 65/81 e successive modifiche ed integrazioni, sia condivisibile;


Per quanto sopra, il Consiglio esprime parere favorevole sotto il profilo urbanistico alla realizzazione delle opere in oggetto, in adesione alla proposta dell’ufficio n. 1 del 12 gennaio 2009 ed alla luce delle superiori considerazioni. »;


Ritenuto di poter condividere il superiore parere del Consiglio regionale dell’urbanistica reso con il voto n. 144 del 18 marzo 2009 di cui fa parte integrante la proposta di parere n. 1 del 12 gennaio 2009 resa dall’unità operativa 3.1/D.R.U.;


Decreta:


Art. 1


Ai sensi e per gli effetti dell’art. 7 della legge regionale n. 65 dell’1 aprile 1981 e successive modifiche ed integrazioni e dell’art. 1 della legge regionale n. 5/2008, in conformità al parere n. 144 del 18 febbraio 2009 reso dal Consiglio regionale dell’urbanistica ed alle condizioni e prescrizioni contenute nei provvedimenti rilasciati dagli enti ed uffici in premessa citati, è autorizzato, in variante allo strumento urbanistico generale del comune di Isola delle Femmine ed in deroga a quanto previsto dalla lett. a) dell’art. 15 della legge regionale n. 78/76, il progetto per l’installazione di un impianto radar meteo presso il sito della Marina militare italiana di Isola delle Femmine nell’ambito del programma di realizzazione del rilevamento “Wind Shear” a servizio dell’aeroporto di Palermo.


Art. 2


Fanno parte integrante del presente decreto i seguenti atti ed elaborati che vengono vistati e timbrati da questo


Assessorato:


1) proposta di parere n. 1 del 12 gennaio 2009, resa


dall’unità operativa 3.1/D.R.U di questo Assessorato;


2) parere del Consiglio regionale dell’urbanistica reso


con il voto n. 144 del 18 marzo 2009;


3) delibera consiglio comunale di Isola delle Femmine


n. 44 del 17 ottobre 2008;


4) delibera consiglio comunale di Isola delle Femmine


n. 45 del 17 ottobre 2008;


Elaborati di progetto


5) relazione tecnico-descrittiva;


6) planimetria ante operam, scala 1:100;


7) planimetria post operam, scala 1:100;


8) demolizioni, costruzioni, predisposizioni e spostamento sotto servizi, scala 1:100;


9) inquadramento urbanistico intervento, scale varie;


10) struttura metallica, planimetria sito, piante e prospetto torre, scale varie;


11) edificio energia pianta, prospetti e sezioni, scala 1:50.


12) relazione geologica.


Art. 3


La società ENAV S.p.A. dovrà acquisire, prima dell’inizio lavori, ogni eventuale ulteriore autorizzazione o concessione necessaria per l’esecuzione dell’opera in argomento.


Art. 4


La società ENAV S.p.A. ed il comune di Isola delle Femmine sono onerati, ciascuno per le proprie competenze, di tutti gli adempimenti conseguenziali al presente decreto che, con esclusione degli atti ed elaborati, sarà pubblicato per esteso nella




Gazzetta Ufficiale della Regione siciliana.


Palermo, 7 maggio 2009.


AGNESE


(2009.20.1434)105













Nessun commento:

Posta un commento