domenica 17 maggio 2009

LA BATTAGLIA NAVALE DI PORTOBELLO CUTINO AND COMPANY

Il Comitato "no Radar a Isola delle Femmine" chiede scusa all'Assessore Regionale Territorio ed Ambiente della Regione Sicilia dr. Sorbello, per il vile attacco operato dal Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Isola delle Femmine dr. Marcello Cutino.

Le scuse il Comitato "no radar a Isola delle Femmine" le rivolge anche all'onorevole europarlamentare Eleonora Lo Curto accusata dal Presidente della Commissione Ambiente di aver riportato nel Suo messaggio ad Isola delle Femmine una falsità leggendo il Comunicato stampa dell'Assessore TTAA Regione Sicilia dr. Sorbello

La on.le Lo Curto nel Suo intervento di Venerdì a Isola delle Femmine si è resa responsabile secondo il dr. Cutino Marcello di aver portato la Sua solidarietà ai Cittadini di isola delle Femmine che lottano per la difesa della propria salute messa a rischio dall'installazione del Radar a Isola delle Femmine. La On.le Lo Curto si è resa responsabile, secondo il Dr. Cutino Marcello Presidente della Commissione Ambiente del Comune di Isola delle Femmine, di aver facilitato e reso possibile nei tempi rapidi che la situazione richiedeva, il ricevimento del Comitato "no radar a Isola delle Femmine" da parte dell'Assessore Sorbello il quale si è impegnato affinchè siano messe in atto da parte dell'Ente appaltante ENAV, tutte le Cautele, Prevenzioni, Precauzioni che salvaguardino e tutelino la Salute dei Cittadini e delle bellezze naturali di Isola delle Femmine (sedi di siti S.I.C. Z.P.S. oltre alla dichiarata e decretata Tutela paesaggistica riconosciuta a Isola delle Femmine dalle competenti autorità).

L'onorevole Assessore Sorbello si è reso responsabile, sempre secondo il Presidente della Commissione Ambiente di Isola delle Femmine, di aver fatto proprio:
“.....principio di precauzione di derivazione comunitaria, il quale deve improntare ogni scelta in questo campo. Compete all'Ente appaltante ENAV dimostrare l’assoluta innocuità dell'antenna radar “Killer” che nella fattispecie emette onde elettromagnetiche nocive alla salute umana oltre al forte impatto ambientale che limiterebbe ogni altra forma di sviluppo oltre a contribuiire al degrado fisico del territorio già caratterizzato da preesistenze urbane".

L' Assessore Sorbello e la onorevole Europarlamentare Eleonora Lo Curto si sono resi responsabili, secondo il dr. Cutino Marcello in mancanza di una smentita le accuse si suppone siano state condivise dal Sindaco Portobello dall'Assessore Paolo Aiello e dall'intera lista elettorale "progetto isola", oltre a quanto sopra riportato, l'accusa è loro rivolta all'impegno espresso e condiviso con il Comitato "no radar a Isola delle Femmine" di proseguire e mettere in atto tutte azioni volte al raggiungimento dei motivi posti a base della protesta.

L'assessore Sorbello si è responsabile, secondo i Signori: Cutino Portobello Aiello e....., di aaver dichiarato essere Sua convinzione "...il territorio è dei Cittadini che lo abitano e nessuno ha il diritto di massacrarlo, per assurdo è un diritto dei cittadini stessi decidere di massacxrare il proprio territorio...." (certo di fronte allo scempio e l'aggressione urbanistica al nostro territorio opeerata in questi ultimi anni una simile dichiarazione suscita ilarità e ....)

A tal proposito è stato stabilito fissato un ulteriore incontro tra l'Assessore Sorbello e una delegazione del Comitato "no radar a Isola delle Femmine" nella giornata di mercoledì 20 Maggio.

Il Comitato "no radar a Isola delle Femmine"







Lo sviluppo sostenibile di portobello-cutino clubs
Caricato da isolapulita - I nuovi video di oggi.






Dichiaro pubblicamente che Isola delle Femmine è un PARADISO


Dichiaro che abbiamo le centraline per il Controllo dell'inquinamento atmosferico in magazzino


Io non vi dirò mai che i Cittadini di Isola delle Femmine hanno a disposizione circa 7 gr. di CROMO ESAVALENTE da respirare


Chi contesta la illegittimità della licenza della Elauto non si rende conto che si perdono decine di posti di lavoro



Questa sera ci sembra il caso di ricordare in questa bellissima piazza Umberto che Io non ho discriminato TUTTI i dipendenti infatti il signor..... il signor....il dr......... sono stati promossi questo per dire si RICORDINO il 6 e 7. Scusate se ho dimenticato l'architetto A....t ma me l'ha fatta grossa, come pure...........



PER ME I DIPENDENTI SONO LA...........




Gentilissimo Signor Sindaco, ieri sera ero in piazza ad ascoltare la presentazione della Sua lista “progetto isola” (capisco che siamo in un periodo di ristrettezza economica IO un PER Isola lo avrei messo costava poco e sarebbe stato senz'altro più coinvolgente come messaggio, questa CHICCA viene NATURALE per chi ci mette amore e passione in quello che fa)

Mi permetta una piccola regressione che può essere utile per Tutti e tre i candidati Sindaci (come ci ricordava venerdì sera la on.le Lo Curto).

AVETE CONTATO NUMERICAMENTE IL NUMERO DI PERSONE CHE ASCOLTA I COMIZI?

LI AVETE MESSI IN RAPPORTO CON IL NUMERO DEGLI ELETTORI DI ISOLA DELLE FEMMINE?

LEI Professore Portobello ( a proposito di matematica) se ne sarà sicuramente fatto un'idea!


Pensa di potercela esprimere?


E adesso passiamo alla manifestazione Tanta gente allegra, festante e strombazzante, d'altronde siamo in una competizione elettorale per l'elezione del NUOVO Sindaco (come diceva la on.le Lo Curto in genere è una lotta all'ultimo: insulto o pettegolezzo, promesse o cose fatte che poi siano effettivamente state fatte , questo conta poco. A volte presi dalla foga o alla ricerca disperata delle cose che (non) sono state fatte, si arriva a dire di aver fatto delle cose già fatte nella scorsa campagna elettorale. Sono certo che vi è in Voi la convinzione che la gente è MINCHIONA cioè NON ricorda.


Un ESEMPIO quando si parla di illuminazione. Da un quarto di secolo che io Pino Ciampolillo vivo a Isola puntualmente sento parlare di Pubblica Illuminazione oppure di Scuole, in genere si è parlato SEMPRE di scuola Materna. A proposito Le giriamo le tefonate e messaggi che ci sono pervenuti per ringraziarlaLa di aver messo il telefono fesso a scuola!


Brava Giovannella un primo risultato l'hai ottenuto!

Sento che mi sta dicendo qualcosa.

Quando parli dei comizi?

Le confesso Signor Portobello che ho qualche difficoltà ad esprimere una valutazione sui comizi:

Le confesso Signor candidato Sindaco, qualora Lei non avesse ascoltato il suggerimento della on.le Lo Curto: “...bisogna mettersi in testa che chiunque vinca deve amministrare non solo la parte che lo ha votato, bensì deve amministrare l'INTERA COMUNITA'....” .


Come Le ho più volte detto contano molto anzi direi MOLTISSIMO. I Comportamenti.


Certamente non devo insegnarglielo io, che le relazioni interpersonali dipendono moltissimo dai nostri comportamenti.


Lo so viene spontanea la domanda ma come faccio a comportarmi correttamente?


SEMPLICE: fare quello che si dice e dire quello che si fa.

E' scolastico?

E' Facile?

Io so solo che è EFFICACE!

SI! Bisogna avere capacità di analisi o come si dice nei salotti per bene: fare feedback!

I COMPORTAMENTI che Lei ha manifestato ai CITTADINI TUTTI in questi anni, non sono quelli che Lei a Parole dal BALCONE ha detto “IO SONO IL SINDACO DI TUTTI”.

Lei e' stato il Sindaco di alcuni e non di altri, certamente la grande maggioranza dei CITTADINI di Isola delle Femmine si è sentita DISAMMINISTRATA! (si può dire? La domanda è d'obbligo non avendo frequentato l'Università) .


Non è stato un puro caso il fatto che alla fine della manifestazione vi è stata qualche scaramuccia fra i cittadini presenti.


Lei si è permesso di fare i nomi di dipendenti beneficiati dalla Sua amministrazione, forse qualcuno è stato da Lei dimenticato ed ha manifestato la sua rabbia verso il collega beneficiato.


Bravo Signor Sindaco ha tentato di scatenare una piccola guerriglia fra “poveri”.


E meno male che non c'era l'architetto in piazza ad urlare: “Io sono stato mobbizzato” per non dire “io sono una vittima antesignana del Brunetta isolano ” .

Complimenti!

Signor candidato Sindaco sono rimasto esterefatto di fronte a questo suo sciorinare senza pudore, senza preoccuparsi della Legge sulla Privacy e facendo forse qualche confusione sulla normativa dello spool sistem, Lei Signor Sindaco, sull'agorà, ha fatto nomi di dipendenti, non Le nascondo, per un attimo ho pensato: che lo dica per ricordare a questi beneficiati che si sta approsimando il 6 e il 7 giugno giorni in un cui devono votare....( Lo dica Lei io non oso perchè potrebbe sembrare voto di scambio) .


Senta la lascio per un momento e vorrei colloquiare con il Dr. Cutino Marcello specialista Ambientalista del Progetto Isola (ho qualche difficoltà isola maiuscolo o minuscolo?. Comunque sia, a ben vedere del convegno che vi ha organizzato la rete LILLIPUT sembra che il "progetto isola" sia stato bocciato dai Cittadini di Isola erano presenti QUINDICI O SEDICI PERSONE).

Per favore non mi dica che al "pogetto isola" sia interessato qualche amico o parente!

Dr. Cutino non voglio entrare nel merito del Suo discorso anche perchè non mi sembra aver ascoltato NESSUN discorso ma insulti e “mal di pancia” che accusava certamente prima di salire sul balcone (quindi non avevano nessuna attinenza con i Cittadini che pazientemente si erano dimostrati disponibili ad ascoltarLa).

Dr. Cutino, mi distraggo per un attimo da Lei e me ne scuso, per rispetto all'amico nonchè all'istituzione vorrei dare la mia solidarietà al Vice Sindaco PAOLO Aiello accusato ingiustamente dall'ex fraterno amico (almeno così recitava una vecchia lettera letta pubblicamente dal Sindaco Portobello, Lui si! E' trasparente legge pubblicamente, oltre ai nomi dei dipendenti, anche le lettere che gli inviano i Suoi amici), torniamo a Lei Signor Paolo Aiello, secondo Bologna Lei si sarebbe candidato soltanto per risolvere un suo problema personale con una non meglio identificata licenza edilizia da ottenere?

A me sembra alquanto strano che Lei avrebbe perso TANTI ANNI della Sua vita per così poco, oltretutto la Sua richiesta alla C.E.C. Commissione Edilizia Comunale (quella che le malelingue vogliono come centro di POTERE) è giacente sin dal 2006 e la CEC non è ancora riuscita ad evaderla.

Purtroppo Tutti dobbiamo passare attraverso una burocrazia farraginosa e dispendiosa. (Come abbiamo sempre affermato e in ciò Le va riconosciuto il merito, di aver per primo visto che in questa farraginosità e dispendiosità il potere politico ha creato e contina a creare le premesse della sua autoriproduzione della sua egemonia dei suoi affari delle sue collusioni delle sue infiltrazioni nella macchina amministrativa grazie alla pratica del voto di scambio).

Mi rendo conto della Sua amarezza Tanti e Tanti Anni di impegno nell'amministrare il paese eppure non è riuscito ad allentare le maglie di questa dannosa e farraginosa burocrazia.

In questo Io leggo la motivazione della Sua nuova candidatura e non in altri motivi che il Signor Bologna vuole farci credere.

Le auguro che finalmente veda la luce il giorno 25. Auguri e non dia retta alle malelingue.

A proposito vorrei approfittare della Sua disponibilità per chiederLe di comunicare alla Cittadinanza dove sono finite tutte (non oso dire il numero) le lampadine, dell'ENEL, da distribuire ai Cittadini di Isola delle Femmine? Può dirlo in piazza così aumentano il numero di cose fatte. Grazie

Torniamo a Lei dr Cutino

VOGLIO volutamente ripetermi Signor Marcello Cutino. Le concedo che l'Assessore Sorbello abbia voluto prendere in giro il Comitato “no radar a Isola delle Femmine” e questo è successo il giorno 7 maggio alle ore 14,40.

Lei Signor Cutino non ha PRESO IN GIRO I CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE ma li ha VOLUTAMENTE e SCIENTEMENTE IGNORATI, non attivandosi con il Suo (se è ancora Suo) gruppo politico e quindi con il Suo Presidente del Consiglio Riso Napoleone e quindi con il Sindaco (da Lei sfiduciato il 27 ottobre) per evadere la richiesta del Comitato “no radar a Isola delle Femmine” volta alla convocazione di un Consiglio Comunale APERTO sulla questione dell'installazione del Radar.

Lei Signor Marcello Cutino VOLUTAMENTE ha IGNORATO i CITTADINI DI ISOLA DELLE FEMMINE non dal 7 maggio ma dal 31 marzo, cioè da quando il comitato ha protocollato la richiesta.

Per tutte le altre insinuazioni mi permetta non una goccia di inchiostro deve andare sprecata.


Signor Cutino Marcello Lei che ama tanto la COERENZA la Cittadinanza vorrebbe tanto conoscere a quale gruppo politico appartiene visto che si è dimesso dal Gruppo Isola per Tutti.

La Sua dichiarazione Le darebbe l'opportunità di recuperare un minimo di credibilità sulle accuse che Lei inopinatamente e senza alcuna veridicità mi lancia di saltare da un gruppo all'altro.
Capisco dovrei sentirmi in colpa per non riuscire a farLe comprendere che sono una PERSONA libera e che non ho alcun interesse da difendere.
Signor Cutino Marcello IO non ho alcun bisogno di essere inserito forzatamente in un gruppo. Signor Marcello Cutino IO posso SCEGLIERE.
La mia disponibilità e il mio impegno è rivolto a TUTTI quelli che con fatica sacrifici e rinunce vogliono LIBERARSI da vincoli di qualsiasi natura.
MERAVIGLIOSO non trova? Lo so è impossibile capire per Lei!

Signor Cutino Marcello può dire alla Cittadinanza quale è stato il vero motivo delle sue dimissioni dal gruppo Isola per Tutti?

Signor Cutino non le sembri la domanda puerile e del tutto inopportuna, ma Lei riavvicinandosi alle posizioni del Sindaco Portobello (decisione che non può che rallegrarmi) e essendosi Lei reinserito del tutto nel gruppo si è automaticamente sconfessato dalle sue stesse posizioni del 17 ottobre oppure il Sindaco ha cambiato posizione nella sua politica ambientale (i complimenti al Sindaco di aver cambiato posizione nel giro di qualche ora) oppure cosa più VERITIERA lei deve svolgere la funzione di kamikaze ambientalista all'interno del gruppo.

Il Comitato Cittadino Isola Pulita dichiara la sua solidarieta' al consigliere Marcello Cutino e nel contempo, Il Comitato Cittadino Isola Pulita, auspica l'apertura di un dibattito politico su ciò che ha determinato questa ulteriore defezione dal Gruppo di Ponzio Pilato, e le conseguenze che questa decisione determina per il prosieguo dell'attività amministrativa nel nostro paese.

Sig. Presidente,


mi corre l'obbligo, anche se è ormai noto a tutti, di comunicare personalmente all'Assemblea che il giorno 17 ottobre u.s. ho rassegnato le mie dimissioni da Capogruppo e Componente del Gruppo "ISOLA per TUTTI", chiedendo contestualmente di transitare al gruppo misto.

E' stata una decisione molto sofferta visti i rapporti personali che mi legano a tutti i componenti di "Isola per Tutti" e che spero non vengano lesi da questa mia scelta politica. Purtroppo però, le posizioni prese dal Sindaco nell'ambito della politica ambientale nel recente periodo hanno reso improcrastinabile questa mia decisione.

Ritengo, infatti, che sulla tutela della Salute dei cittadini e dei lavoratori e sulla salvaguardia dell'Ambiente non possano essere raggiunti compromessi di alcun tipo e non possano tollerarsi indecisioni, tentennamenti o superficialità. E' richiesto invece estremo rigore ed attenzione, ferma decisione ed elevato senso di responsabilità, in quanto dalle scelte di oggi dipenderà il futuro delle nuove generazioni Isolane e lo sviluppo dell'intero Paese.

A mio parere, noi tutti abbiamo una grande responsabilità perché stiamo vivendo un periodo determinante della storia del nostro Comune; viviamo una svolta in cui abbiamo l'occasione, ed il dovere, di operare delle scelte di COERENZA, sgombrando il campo da tutti i paradossi e le palesi contraddizioni che condizionano, a volte, la vita politica e sociale della nostra piccola Collettività.

La mia è una decisione che è andata maturando nel tempo, ma che è divenuta irrevocabile in occasione degli ultimi avvenimenti inerenti la richiesta di autorizzazione all'uso del PET-COKE nel nostro territorio. Comprenderete nel mio ruolo non potevo prendere posizioni diverse dal gruppo rappresentato, ma non mi si poteva neanche chiedere di rappresentare opinioni contrastanti con le mie convinzioni di coscienza.

A mio avviso, era doveroso da parte del Sindaco, che ha come primo compito istituzionale quello della tutela della salute pubblica, opporsi, con fermezza, a qualsiasi richiesta di autorizzazione all'uso del PET-COKE al di fuori del procedimento AIA, e quindi senza che siano stati valutati e messi in atto, preventivamente, tutti gli adeguamenti tecnologici e migliorie previste dalla legge (IPPC - BAT/MTD Migliori Tecnologie Possibili) a garanzia della Salute dei Cittadini e dei Lavoratori.

La fermezza richiesta al Sindaco è stata poi dimostrata, con grande senso di responsabilità, dall'Assessore Interlandi, dal Direttore dell'ARPA Sicilia, Ing. Sergio Marino e dai rappresentati degli Organi di controllo Provinciali e Regionali, che hanno rinviato la decisione all'AIA.

Ritengo che una “autorizzazione temporanea” non avrebbe fatto altro che inasprire ulteriormente gli animi nella nostra collettività senza portare a nulla di concreto, in quanto sono convinto che la soluzione alla problematica, così come ribadito anche dal Ministro all'Ambiente, può venire solo dal Tavolo AIA. Senza questa Autorizzazione prevista da una Legge che ha recepito una Direttiva Comunitaria non vi potrà essere sviluppo per nessuna azienda e senza l'applicazione degli adeguamenti tecnologici non vi potrà essere AIA; quindi chi, come me chiede a grande voce di andare al Tavolo AIA, altro non vuole che lo sviluppo sostenibile dell'azienda e implicitamente, quindi, la tutela VERA e senza squallide demagogie del posto di lavoro.

Tengo a ribadire, a questo proposito, che gli interessi di chi lotta per la tutela della salute e per la salvaguardia dell'Ambiente NON sono divergenti da quelli di chi lotta per la tutela del posto di lavoro, anzi sono ampiamente convergenti!!

Non accetto in maniera assoluta che si possano mettere in contrapposizione dei diritti elementari quali il diritto alla salute ed il diritto al lavoro, non accetto che qualcuno voglia mettermi, per forza, in contrapposizione con i lavoratori: io non sono e non mi sento il nemico dei lavoratori, anzi!

Credo invece che si possano trovare le occasioni per un dialogo sereno e sincero e che si possano trovare delle soluzioni condivise da portare avanti insieme, con forza e con coerenza, puntando ad un obiettivo di sviluppo, legalità e prosperità derivante dalla valorizzazione delle risorse umane e ambientali di cui il nostro Paese dispone, come dimostrato, del resto, dagli esiti della riunione in Prefettura.

Resta ben inteso, a scanso di equivoci, che il mio impegno nei confronti degli elettori che mi hanno voluto qui per rappresentarli resta immutato, ovvero, rimane salda la mia volontà a proseguire nella realizzazione del programma elettorale, ma con maggiore indipendenza e più ampia libertà di opinione. Infine, auspico che, si possano ristabilire le condizioni per un dialogo sereno e costruttivo con l’Amministrazione per poter continuare ad operare per la crescita politica, sociale, economica e culturale del nostro Paese.
Isola delle Femmine, 24 ottobre 2007

Marcello Cutino

http://ciampolillopinoisoladellefemmine.blogspot.com/2007/10/isola-delle-femmine-ponzio-pilato-al.html


Senta nel lasciarLa Signor Cutino chieda al Sindaco Portobello perchè il 18 GIUGNO 2004 ha trappato nervosamente il volantino affisso alle porte della tabaccheria, non solo ma ciò che non mi ha mai spiegato come mai sale al Comune infierisce contro una dipendente “guarda cosa scrive tuo marito” .

Gentilissimi Amici Cutino Portobello Aiello Riso e......... la mia speranza è che sia l'ultima volta in cui ribadisco una BANALITA'.

Vi è in me la convinzione che le cose meno importanti quelle che diamo per scontato e quindi non vale la pena dirlo.

NO! NO! NO!

Sono proprio quelle le cose da dire da ribadire sino alla condivisione.

Io non devo rendere conto a NESSUNO, nella mia vita non ho avuto padroni, l'unico DATORE DI LAVORO la R.A.S., che per ironia della sorte annoverava tra i maggiori azionisti la Famiglia PESENTI si proprio loro, i maggiori azionisti della Italcementi.

Naturalmente questo vale anche per l'associazione "Isola Pulita" di cui mi onoro far parte.

Nel riportare il volantino incriminato ancora una volta per gli argomenti trattati e per l'ironia che deve contraddistinguere una efficace relazione umana sono costretto in via CAUTELARE inviare

Un Appello alle Autorità.
Il mio personale auspicio che la posizione qui da me espressa resti tutta nell’ambito del confronto politico e che si riesca sempre a mettere in pratica l’insegnamento dell’amore, del dialogo della discussione e della libera circolazione delle idee. Ove si dovessero presentare situazioni di censura o cosa ancor più grave di minacce o ritorsione nei miei confronti, di un membro della mia famiglia, o di persone a me vicine richiedo fin d’ora interventi volti alla tutela dei miei diritti di CITTADINO Italiano

Pino Ciampolillo




Era precisamente il 19 giugno 2004

Avrete senz'altro notato il messaggio contenuto nel volantino si rivolgeva ai Cittadini di Isola delle Femmine ed era teso a difendere e confermare la scelta politica del Signor ORAZIO CATALDO del gruppo INSIEME ISOLA DELLE FEMMINE.

A distanza di cinque anni come autore del volantino ne rivendico la paternità nei suoi contenuti e di certo non posso schierarmi con chi ha scambiato

la realtà del potere delle idee

con

la realtà dell'idea del potere

http://www.isolapulita.it/

1 commento:

  1. Ciampolillo, tu - come chiunque - non hai NESSUNA titolarità ad usare la sigla collettiva del "COMITATO NO RADAR".

    Questa sigla ha convocato l'ultima manifestazione con la partecipazione di tutte e 3 le liste e i candidati sindaco per le prossime amministrative. Nessuna delle tre parti può arrogarsi l'uso di questa denminazione. Nessun può usare tale denominazione a sostegno di liste politiche candidate alle elezioni europee.

    Probabilmente saranno state commesse delle sviste, cui è certamente possibile porre rimedio.
    Per fortuna nè Nino, nè Gaspare, nè Stefano, sono incorsi in particolari errori.
    Proseguiamo il dibattito elettorale, aggiungendo il contributo di ciascuno, liberi da involontari equivoci.

    RispondiElimina